Passa ai contenuti principali

Tiramisù classico

Dio salvi il caffè.
E il mascarpone.
Che sono nati per stare insieme.

Armatevi di termometro da cucina perché si pastorizza!

Tuorli pastorizzati:

4 tuorli
150 g di zucchero
40 ml di acqua

In un pentolino unite acqua e zucchero, portate alla temperatura di 121°C.
Attenzione perché lo sciroppo raggiunge la temperatura di 100°C in poco tempo quindi tenete d'occhio il termometro, ci vorranno pochi minuti per arrivare a 121°C. 
Nel frattempo se siete bravi a usare contemporaneamente due mani, con una montate i tuorli mentre con l'altra tenete il termometro e allo scattare dei 121°C togliete subito dal fuoco e aumentando la velocità dello sbattitore versate lo sciroppo senza fermarvi, dovrete montare fino ad arrivare a temperatura ambiente. Il composto di tuorli e sciroppo dovrà gonfiarsi e diventare spumoso e chiaro. Fate attenzione e NON usate una ciotola di plastica.
I vostri tuorli sono pastorizzati e privi di batteri.

Prepariamo adesso la nostra crema al mascarpone:

500 g di mascarpone fresco
4 tuorli pastorizzati (vedi sopra)
1 cucchiaio di zucchero a velo
una tazza di caffè amaro tiepido
savoiardi
cacao amaro
1 cucchiaino di caffè in polvere

Iniziate montando i tuorli pastorizzati con il mascarpone, un cucchiaio di zucchero a velo e un cucchiaino di caffè in polvere. La vostra crema è prontissima per farcire il dolce.
Sporcate la base della pirofila con due cucchiaiate di crema e iniziate a montare il dolce, bagnate i savoiardi nel caffè, coprite con la crema, spolverate di cacao e ricominciate fino a esaurimento degli ingredienti. 
Semplice, classico e irresistibile.

Peace.


Commenti

Post popolari in questo blog

Financier al pistacchio

Sapete, se c'è una cosa che sto imparando con un mondo completamente fermo è che mi piace il silenzio che si tange, e il tempo per me stessa, ne sto dedicando così tanto che quando mi lamenterò di non avere mai tempo per nulla penserò a questi mesi e non sarò disperata, ma anzi, sarò grata per averlo vissuto.  Forse sarò diventata noiosa e banale ma quegli attimi di quotidianità genuina che sto vivendo mi confortano e mi donano gioia anche in un momento di incertezze, in fondo siamo umani, siamo ciò che abbiamo vissuto e per quanto possiamo sentirci sbagliati impariamo ogni giorno, siamo come si dice, in continua crescita.   Rifugiarsi non è poi così male, è la nostra salvezza.  Amo rifugiarmi nei boschi, raccogliere ortiche chiedendo il permesso alla natura, fischiettare agli abitanti sopra la mia testa. Chissà cosa pensano loro di questa pace. Loro intanto mi rispondono cantando. E respiro, e osservo tutto in modo scrupoloso, come se da un momento all'altro non potessi avere

Lievito madre

Lievito madre si, lievito madre no? Una cosa è certa, richiede tanto amore e farina. Mi sento in dovere di parlarvi di questo "enzima" poiché nel periodo in cui ci stiamo trovando leggo di amici che vorrebbero prepararlo in casa, non è una cattiva idea solo nel momento in cui vi troverete le dispense piene di farina e possiate prendervene cura. Come si ottiene il lievito? Si ottiene per semplice fermentazione all'aria di acqua e farina. Questo processo fa si che il lievito sia arricchito di fermenti e batteri diversi tra loro. La lievitazione produce sia anidride carbonica che acidi. L'insieme di questi fattori fornisce un prodotto più digeribile, aromatico e che si conserva a lungo. Unico modo per mantenere il lievito è nutrirlo periodicamente per evitare che i batteri acidi prendano il sopravvento su quelli alcolici con il rischio di ottenere un sapore acido e che perda vigore e non permetta più risultati ottimali. Creare il lievito madre. E' da cons

Plumcake olio d'oliva e limone

Nuove quotidianità. Stiamo affrontando qualcosa di inaspettato, tutti, indifferentemente, siamo obbligati a resistere per qualcosa di incredibilmente bello dopo. Non è il momento di abbattersi, è il momento di guardare dentro noi stessi e recuperare mancanze, fare ordine nei pensieri, pulire negli angolini più profondi del nostro cuore, seminare laddove non fioriva più il minimo germoglio. Coltivarsi e fiorire, nutrirsi senza saziarsi, perché non vogliamo diventare sazi, vogliamo nutrirci sempre. Abbiamo il tempo per bagni caldi, per bere quel bicchiere di vino alla finestra, abbiamo il tempo per il sonnellino post pranzo, non è più una corsa contro il tempo, ci stiamo abituando a questo ritmo lento. Tutti vorremmo la normalità di prima ma poi penso come sarà quella che ci aspetta? Potrò abbracciare la mia famiglia senza il timore di infettare o essere infettata? Potrò bere quella desiderata birra in spiaggia con la mia amica? Potrò mettermi a parlare con il corriere che mi dice &