Passa ai contenuti principali

Crostata con crema namelaka al limone

Per ora tutti che stanno in fissa con la cream tart, diventata famosa per la sua bellezza e per l'esplosione di colori nel decorarla. 
Ebbene io non sono una che segue le mode, non posso farci niente ma quando vedo che una cosa viene commercializzata fino allo sfinimento, giro l'angolo e vado per la mia direzione.
Così invece di seguire la massa ho pensato di combinare la namelaka al guscio di una crostata sablé ma, il colpo di scena è stato inserire il biscotto madeleine fra i due strati. Quindi, seguitemi bene, ho preparato la pasta sablé come si prepara una semplice frolla, ho semi cotto la base in bianco, ho preparato un biscotto madeleine e l'ho versato sulla crostata, rimesso in forno e ho atteso che si legassero insieme. Infine ho preparato uno sciroppo al limone con cui ho bagnato il madeleine e guarnito in tutta la sua bellezza ed eleganza con fiocchi di namelaka al limone e cioccolato bianco.
Adesso che vi ho incuriosito ci state a provarla?

Per prima cosa preparate la namelaka con largo anticipo perché ha bisogno di refrigerio per addensarsi, quindi anche la sera prima preparatela e lasciatela tutta la notte.

Namelaka:

170 g di cioccolato bianco
200 g di panna fresca
100 g di latte intero
60 g di succo di limone
2 g di gelatina

Mettete la gelatina (1 foglio) in acqua fredda per 10 minuti.
Fondete il cioccolato bianco a bagnomaria. In un pentolino riscaldate il latte, quando la gelatina sarà morbida, strizzarla e unite al latte, mescolate fino ad assorbimento. 
Versate il latte sul cioccolato ancora caldo in tre volte. Aggiungete la panna liquida fredda di frigo e mescolate con un minipimer facendo attenzione a non inglobare aria. Unite il succo di limone, profumate con la scorza, coprite con pellicola a contatto e riponete in frigo per circa 8-12 ore. 
Dopo tutte quelle ore di riposo, avrete una crema forte e perfetta, sembrerà un po' duretta, non temete, azionate le fruste e date una leggera mescolata e vedrete che diventerà morbida al punto giusto per essere usata con la sac a poche.

Per la pasta sablé:

250 g di farina
150 g di burro
45 g di tuorli
100 g di zucchero a velo
sale
scorza del limone

Versate la farina in una ciotola, fate un buco al centro e unite il burro morbido a pezzetti, i tuorli e un pizzico di sale, lavorate e infine aggiungete lo zucchero e la scorza di limone. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare in frigo per circa 1 ora. 
Terminato il riposo, stendete l'impasto in una tortiera, con una forchetta bucherellate leggermente il fondo, rivestite di carta da forno e coprite con dei ceci secchi. Infornate a 180° per 10 minuti.

Nel frattempo preparate il biscotto madeleine: (io ho voluto provare una delle nuove basi Cameo in cui già si trova lo zucchero, quindi se preferite usare la farina 00, vi basterà aggiungere 50 g di zucchero)

125 g di base per pasta morbida Cameo
1 uovo
5 g di miele
50 g di burro fuso tiepido

Versate la base in una ciotola, l'uovo, il miele e il burro, lavorate per 2 minuti e versate sulla base della crostata che avrete uscito dal forno, eliminato la carta e i ceci. Riempite il guscio con tutto l'impasto e rimettete in forno per altri 15-18 minuti.

Occupatevi della bagna al limone:

1 limone 
2 cucchiai di zucchero
mezzo bicchiere d'acqua

In un pentolino versate tutti gli ingredienti finché non arriverà a bollore e lo zucchero si sarà sciolto. Spegnete e fate raffreddare.

 Adesso avete tutto pronto, avete inzuppato il biscotto madeleine con la bagna al limone e ora non resta che riempire la tasca da pasticcere con bocchetta liscia e iniziate a darle una forma tutta vostra. Guarnite con frutta fresca.

Il mio consiglio è di mangiarla subito, se avete una cena fra amici non c'è bisogno neanche di metterla in frigo così non rischia di indurirsi. 

Provatela e fatemi sapere,

Peace. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Burger buns

Tutto il mondo è casa, tutto il mondo resta a casa per amor del prossimo.
Mi auguro quando tutto questo sarà finito di cercare la ricchezza del quotidiano, dei piccoli gesti e di esserne grati. Abbandonate ogni risentimento e vivete la gioia di ogni rapporto, abbracciate per ore chi vi pare, ballate per strada, cantate alla fermata di un tram, sorridete il più possibile.
"Non vedo l'ora"
Una frase che ci stiamo ripetendo più di una volta durante le nostre giornate. E allora fate liste di cose che non vedete l'ora di realizzare non appena tutto sarà passato e fatene dono che questo momento rimarrà custodito per sempre nella nostra pelle.
Adesso parlo ai panettieri in erba che si stanno dilettando nelle preparazioni di pane e focacce, vengo in vostro soccorso!  La cosa positiva di questa quarantena è che ognuno di noi sconfiggerà i propri mostri, dalla riuscita di un buon pane alla paura di restare da soli, stiamo imparando tanto da noi stessi. E sono grata.
Ci sentiam…

Devil's cake

Lo so, non sono una grandissima blogger, scrivo quando mi pare, non seguo un ritmo ben preciso con cui pubblicare le ricette, forse è proprio questo il mio lato distintivo dalle vere blogger, non sono una blogger. *risata fuori campo*
Ebbene, qui di seguito vi mostro la ricetta della Devil's Cake che ha riscosso molto successo e ha ricordato la scena del film Matilda sei mitica, in cui il povero Bruce Pappalardo è stato obbligato a ingurgitare una torta dalle dimensioni notevoli davanti ad una sala gremita di studenti. Be a me non è andata così male per fortuna, avevamo solo la pioggia che batteva sopra le nostre teste e un fuoristrada a farci da tavolino.
Torta libidine, non è un caso se si chiama torta del Diavolo, sembra che voglia tentare ogni spirito buono.
La cara Nigella, conosciuta per le sue ricette ipercaloriche apprezzerebbe questa torta?
La ricetta tradizionale preveda la barbabietola nell'impasto poiché ricorda il colore del sangue e dona alla torta un colore n…

Lievito madre

Lievito madre si, lievito madre no?
Una cosa è certa, richiede tanto amore e farina.
Mi sento in dovere di parlarvi di questo "enzima" poiché nel periodo in cui ci stiamo trovando leggo di amici che vorrebbero prepararlo in casa, non è una cattiva idea solo nel momento in cui vi troverete le dispense piene di farina e possiate prendervene cura.

Come si ottiene il lievito?

Si ottiene per semplice fermentazione all'aria di acqua e farina. Questo processo fa si che il lievito sia arricchito di fermenti e batteri diversi tra loro.
La lievitazione produce sia anidride carbonica che acidi.
L'insieme di questi fattori fornisce un prodotto più digeribile, aromatico e che si conserva a lungo. Unico modo per mantenere il lievito è nutrirlo periodicamente per evitare che i batteri acidi prendano il sopravvento su quelli alcolici con il rischio di ottenere un sapore acido e che perda vigore e non permetta più risultati ottimali.

Creare il lievito madre.

E' da considerarsi ma…