Passa ai contenuti principali

Marquise au chocolat et café

Direttamente dalla Francia, un nobile dolce per nobili persone. Il nome che tradotto significa "marchesa" forse ispirato alla scrittrice Madame de Sévigné, ossessionata dal cioccolato, è un dolce assai spumoso che assomiglia ad una mousse. 
L'ho voluto subito provare abbinandolo ad una crema di caffè, che in mio parere è l'ingrediente che si sposa alla perfezione al cioccolato. Quindi bando alle ciance, se volete fare un figurone dovete assolutamente prepararlo! 

                                           INGREDIENTI
80 g di farina
3 cucchiai di cacao amaro
1 cucchiaino di lievito in polvere
3 uova 
100 g di zucchero
1 cucchiaio di caffè
2 cucchiai di latte
sale

Per la farcitura
250 g di panna 
1 cucchiaio di caffè
60 g di cioccolato bianco

Preriscaldate il forno a 180°.
Rivestite una teglia rettangolare circa 35x26.
Setacciate la farina, il cacao e il lievito. Montate i tuorli e lo zucchero. A parte, montate a neve gli albumi con un pizzico di sale e unitene un terzo al composto di tuorli e zucchero. Aggiungete gli ingredienti setacciati, alternando con il caffè e il latte e unite gli albumi rimasti. Versate l'impasto nella teglia, cuocete per 13-15 minuti. 
Preparate la farcitura partendo dal cioccolato bianco, scioglietelo a bagnomaria. Montate la panna con il caffè, dopo aggiungete il cioccolato bianco. 
 Potete fare come me, dividendo la marquise in 3 rettangoli uguali e farcire il tutto così: 


Oppure con l'aiuto di un coppapasta ricavate diverse forme e create quanti più strati desiderate. Infine spolverizzate con del cacao amaro o zucchero a velo e lasciate in frigorifero qualche oretta prima di servire. 
                        Bon appétit

Commenti

Post popolari in questo blog

Burger buns

Tutto il mondo è casa, tutto il mondo resta a casa per amor del prossimo. Mi auguro quando tutto questo sarà finito di cercare la ricchezza del quotidiano, dei piccoli gesti e di esserne grati. Abbandonate ogni risentimento e vivete la gioia di ogni rapporto, abbracciate per ore chi vi pare, ballate per strada, cantate alla fermata di un tram, sorridete il più possibile.                                                                                                          "Non vedo l'ora" Una frase che ci stiamo ripetendo più di una volta durante le nostre giornate. E allora fate liste di cose che non vedete l'ora di realizzare non appena tutto sarà passato e fatene dono che questo momento rimarrà custodito per sempre nella nostra pelle. Adesso parlo ai panettieri in erba che si stanno dilettando nelle preparazioni di pane e focacce, vengo in vostro soccorso!  La cosa positiva di questa quarantena è che ognuno di noi sconfiggerà i propri mostri,

Lievito madre

Lievito madre si, lievito madre no? Una cosa è certa, richiede tanto amore e farina. Mi sento in dovere di parlarvi di questo "enzima" poiché nel periodo in cui ci stiamo trovando leggo di amici che vorrebbero prepararlo in casa, non è una cattiva idea solo nel momento in cui vi troverete le dispense piene di farina e possiate prendervene cura. Come si ottiene il lievito? Si ottiene per semplice fermentazione all'aria di acqua e farina. Questo processo fa si che il lievito sia arricchito di fermenti e batteri diversi tra loro. La lievitazione produce sia anidride carbonica che acidi. L'insieme di questi fattori fornisce un prodotto più digeribile, aromatico e che si conserva a lungo. Unico modo per mantenere il lievito è nutrirlo periodicamente per evitare che i batteri acidi prendano il sopravvento su quelli alcolici con il rischio di ottenere un sapore acido e che perda vigore e non permetta più risultati ottimali. Creare il lievito madre. E' da cons

Financier al pistacchio

Sapete, se c'è una cosa che sto imparando con un mondo completamente fermo è che mi piace il silenzio che si tange, e il tempo per me stessa, ne sto dedicando così tanto che quando mi lamenterò di non avere mai tempo per nulla penserò a questi mesi e non sarò disperata, ma anzi, sarò grata per averlo vissuto.  Forse sarò diventata noiosa e banale ma quegli attimi di quotidianità genuina che sto vivendo mi confortano e mi donano gioia anche in un momento di incertezze, in fondo siamo umani, siamo ciò che abbiamo vissuto e per quanto possiamo sentirci sbagliati impariamo ogni giorno, siamo come si dice, in continua crescita.   Rifugiarsi non è poi così male, è la nostra salvezza.  Amo rifugiarmi nei boschi, raccogliere ortiche chiedendo il permesso alla natura, fischiettare agli abitanti sopra la mia testa. Chissà cosa pensano loro di questa pace. Loro intanto mi rispondono cantando. E respiro, e osservo tutto in modo scrupoloso, come se da un momento all'altro non potessi avere